Nel futuro auto intelligenti e più sicure, con una Rc da ripensare

Per l’auto a guida autonoma si dovrà forse attendere ancora un po’ di tempo. Ma intanto la tecnologia sta diventando sempre più importante a bordo delle nostre macchine, con i sensori che contribuiscono alla sicurezza e le informazioni che aiutano a prevenire il traffico in tempo reale o ad affrontare le situazioni meteorologiche a rischio. Il futuro, nel settore dell’automotive, è davvero dietro l’angolo. E le ripercussioni, anche per quanto riguarda le compagnie assicurative, sono tante e non tutte conosciute.

In base a un’indagine effettuata da Italian Insurtech Association (Iia), su circa 200 aziende del settore, emerge che il rischio maggiore – in vista di una sempre più prevalente tecnologia sulle nostre auto – sarà legato non tanto agli incidenti quanto all’ambito cyber: gli haker potrebbero infatti introdursi in qualche modo nella gestione dei dati (la cronologia degli spostamenti, le telefonate e le conversazioni) per arrivare magari a dirottare l’automobile nella peggiore delle ipotesi oppure semplicemente per rubarla, o comunque per riuscire a impossessarsi di preziose informazioni private.

Ovviamente il pericolo è attualmente rappresentato soprattutto dalle porte usb, il bluetooth o il wifi, terre di confine tra la sicurezza e il danno. Sappiamo che già ora un hacker sarebbe in grado di acquisire molti dei nostri dati se avesse accesso alla memoria digitale dell’auto che abbiamo utilizzato, collegando il nostro telefono e magari utilizzando la rubrica con i nostri contatti oppure accedendo al nostro conto bancario. Un domani i rischi saranno molteplici.

È possibile allora che la Rc auto cambierà radicalmente le sue caratteristiche, forse non sarà più la voce fondamentale e allora il suo costo sarà rivisto. A questo proposito, gli esperti si dividono: c’è chi sostiene che costerà meno, chi al contrario prevede costi più alti. Dipenderà molto dagli investimenti che le case automobilistiche continueranno a portare avanti nel campo della sicurezza legata ai progressi della tecnologia e, in particolare, dell’intelligenza artificiale. Gli incidenti subiranno probabilmente una netta riduzione grazie a queste innovazioni, ma d’altro canto, gli eventuali danni alle strutture tecnologiche delle automobili “intelligenti” potrebbero comportare costi più elevati.

facebook
Twitter
error

Ti piace il blog? Condividi gli articoli